Home PageRicerca museo per nomeRicerca museo per zonaGuida alla consultazione

I musei umbri appartengono al genere peculiare del “museo italiano”: numerosi, di piccole dimensioni, originati da vicende locali, comprensivi di raccolte spesso eterogenee, in immediata continuità con l’ambiente fisico e storico cui appartengono.

Nel 1972, quando vennero trasferiti dallo Stato alla competenza amministrativa della Regione, erano per lo più chiusi al pubblico e in cattive condizioni. Il loro ripristino ha perciò rappresentato il principale obiettivo del lavoro svolto fino ad ora.

Partendo dalla puntuale ricognizione della situazione e mirando soprattutto alla sicurezza del patrimonio e al normale funzionamento dei servizi minimi indispensabili, è stata dunque avviata una complessa opera per il recupero delle sedi e per la catalogazione, il restauro, l’ordinamento scientifico e l’allestimento espositivo delle collezioni.

Il primo museo rinacque nel 1990. Oggi sono oltre settanta i musei e le raccolte regolarmente aperti al pubblico e quasi trenta i luoghi di interesse culturale (monumenti, aree archeologiche, ecc.) organizzati e gestiti come musei e normalmente visitabili.


Questo sito richiede il plug-in